Con l’adozione della risoluzione 168 (II) del 31 ottobre 1947, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato il 24 ottobre Giornata delle Nazioni Unite. La data scelta segna infatti l’anniversario dell’entrata in vigore, nel 1945, della Carta delle Nazioni Unite.

Nel 1971, con risoluzione 2782 (XXVI), l’organismo plenario dell’ONU ha inoltre richiesto che la Giornata venisse osservata dagli stati membri come festività pubblica.

Il tema di quest’edizione, la sessantaquattresima dall’istituzione si tale ricorrenza, è I modi in cui le Nazioni Unite fanno la differenza nella vita quotidiana.

Quest’anno, inoltre, la giornata si celebra a ridosso di una data cruciale per la comunità internazionale dal momento che, secondo i dati forniti dal Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA) si prevede che la popolazione mondiale raggiungerà la quota di 7 miliardi il giorno 31 ottobre 2011.

In occasione delle celebrazione per la Giornata delle Nazioni Unite 2011, il Segretario Generale dell’Organizzazione – Ban Ki-moon – ha rilasciato il seguente messaggio:

Tra pochi giorni la comunità mondiale raggiungerà i sette miliardi di persone.

Qualcuno afferma che il nostro pianeta è troppo popolato. Io sostengo che abbiamo la forza di sette miliardi di persone.

Il mondo ha fatto progressi inimmaginabili dalla nascita delle Nazioni Unite, che oggi compiono sessantasei anni.

Viviamo più a lungo. Un numero sempre maggiore di nostri figli sopravvive. Ogni giorno cresce il numero di quanti vivono in uno stato di diritto democratico.

Come abbiamo potuto riscontrare durante quest’ultimo drammatico anno, le persone di tutto il mondo si stanno mobilitando per difendere i propri diritti umani e le proprie libertà.

Eppure… tutti questi progressi sono adesso in pericolo. A causa della crisi economica. Dell’aumento del tasso di disoccupazione e di diseguaglianza. Del cambiamento climatico.

Troppe persone nel mondo vivono in uno stato di paura. Troppe credono che i governi e l’economia mondiale non potranno esaudire le loro aspettative.

In questo momento di crisi, esiste solo una soluzione possibile: l’unità dei nostri propositi.

I problemi a livello mondiale richiedono soluzioni adeguate a tale portata.

Occorre obbligare tutte le nazioni ad agire in maniera unitaria attraverso un programma a favore della popolazione mondiale.

Questa è la vera missione delle Nazioni Unite:

Costruire un mondo migliore.

Non abbandonare nessuno.

Lottare per i più poveri e i più vulnerabili in nome della pace e della giustizia sociale nel mondo.

In commemorazione di questa giornata speciale, riconosciamo che:

Mai nella storia il ruolo delle Nazioni Unite è stato più necessario.

In questo mondo ogni giorno più interconnesso, tutti abbiamo qualcosa da dare e qualcosa da guadagnare se lavoriamo insieme.

Uniamoci, con la forza di essere sette miliardi di persone, in nome del bene comune mondiale.

Annunci